I libri più belli del Duemila in edicola con L’Espresso

Aprire la prima di copertina, essere inebriati per qualche secondo dal profumo della carta. Poi partire dalle prime righe, con curiosità sempre maggiori, e lasciarsi perdere nel piacere della lettura.

Quante volte, da ragazzo, ho fatto questo gesto. Per me, divoratore di libri, laureato in letterature comparate, leggere era scontato, ovvio, naturale. Solo ora, con due bambini e mille impegni, apprezzo davvero quei momenti. Oggi trovare il tempo per lasciarsi andare al piacere della letteratura è un lusso che solo di rado riesco a concedermi.

I grandi romanzi del 2000 destinati a diventare dei classici di domani

Un lusso che ancora cerco con forza di conservare e concedermi. Per questo ho trovato molto interessante l’iniziativa avviata dal gruppo editoriale L’Espresso dal titolo 2000.

Una collana con i libri più intensi, amati e premiati dell’inizio di questo secolo, da Mordecai Richler a Emmanuel Carrère, da Murakami a Strout, da Niccolò Ammaniti a Jonathan Franzen, da Alice Munro a David Grossman. Trentasei uscite con alcune chicche come i premi Nobel Pamuk e Munro, per arrivare a “Fight Club” di Palahniuk. Un appuntamento settimanale (il sabato in edicola a 9,90 euro) con gli autori più amati e premiati che hanno saputo raccontare l’inizio del 2000 in modo unico.

Qui il link dell’iniziativa

La grande letteratura in edicola: prossime uscite

L’ iniziativa è già partita da alcune settimane. Ma, tramite un comodo link, si possono anche recuperare le uscite precedenti. Le prossime uscite invece si prospettano molto interessanti: Murakami Haruki l’11 febbraio con “Kafka sulla spiaggia” (la storia: le vite parallele di Nakata, il vecchio dall’animo di bambino che capisce la lingua dei gatti, testimone di un delitto intollerabile, e di Kafka Tamura, quindicenne maturo, in fuga da una sconvolgente profezia) e il 18 febbraio  Elisabeth Strout con “Olive Kitteridge” (la storia: Crosby, piccolo angolo del Maine affacciato sull’Atlantico, diviene specchio di un mondo più ampio e dell’esistenza umana, attraverso lo sguardo lucido e implacabile di un’insegnante in pensione). Poi il 25 febbraio uno dei miei autori preferiti,  Niccolò Ammaniti con “Ti prendo e ti porto via”

“Ci sono libri che sanno volare alto” – il video

 

x
Buzzoole